Vuoi un rimborso per il tuo volo Iberia?

Menu

Scopri se hai diritto a un rimborso!

Rimborso volo Iberia: quando richiederlo

La Carta dei diritti del passeggero individua le fattispecie per cui il passeggero ha diritto alla tutela.

Quelli riportati di seguito sono i casi in cui è possibile richiedere la compensazione pecuniaria o il rimborso del biglietto Iberia:

  1. Cancellazione volo
  2. Volo in ritardo
  3. Overbooking o negato imbarco
  4. Rinuncia o annullamento

Assistenza Iberia

Superate le 2 ore di ritardo, scatta l’obbligo di assistenza in aeroporto.

Ferma restando la valutazione sul diritto alla compensazione pecuniaria, che dipenderà dalla presenza o meno di circostanze eccezionali, rimane l’obbligo di assistenza da parte della Compagnia aerea, qualunque sia la causa del ritardo del volo programmato. Nello specifico il passeggero ha diritto a:

  • pasti e bevande
  • sistemazione in hotel
  • trasferimento dall’aeroporto all’hotel e viceversa
  • 2 telefonate o messaggi.

Inoltre, se Iberia non fornisce tempestivamente ’assistenza, il passeggero può provvedere autonomamente.

In questi casi, consigliamo di conservare le ricevute delle spese sostenute, per poter procedere alla richiesta di rimborso.

Risarcimento Iberia: compensazione pecuniaria e rimborso biglietto

In caso di ritardo, cancellazione o overbooking, l’importo cui si ha diritto a titolo di compensazione pecuniaria va da € 250,00 a € 600,00, in base alla lunghezza della tratta aerea in questione. Tuttavia, qualora siano state sostenuti costi extra a causa del disservizio,  anche quelli possono essere rimborsabili.

L’ammontare della compensazione pecuniaria Iberia ammonta a:

  • 250,00 € per tratte fino a 1500 km
  • 400,00 € per tratte tra 1500 e 3500 km;
  • 600,00 € per tratte superiori a 3500 km.

Questi importi non dipendono dal prezzo speso per acquistare il biglietto.

Il rimborso biglietto Iberia, cioè la restituzione della somma pagata per acquistare il biglietto, non dipende dalla lunghezza della tratta e può essere riconosciuto in aggiunta alla compensazione pecuniaria.
Posso avanzare una richiesta rimborso Iberia nel caso in cui non abbia usufruito del volo per cui avevo fatto la prenotazione o di un volo alternativo fornito dalla Compagnia.
Avrò quindi diritto al rimborso in caso di cancellazione, overbooking (negato imbarco) o rinuncia per malattia, senza che mi sia stato riconosciuto un volo di riprotezione.

Diversamente, non avrò diritto al rimborso del prezzo del biglietto, ma alla sola compensazione pecuniaria, in caso di ritardo (avendo comunque usufruito del volo).

Chiedere rimborso Iberia

L’assistenza Iberia prevede una procedura di rimborso abbastanza articolata e lunga. Difficilmente il passeggero riesce ad ottenere il rimborso rivolgendosi direttamente alla Compagnia.
La Compagnia mette a disposizione un servizio di chat e un modulo, ma non è possibile parlare con un operatore.

Viste queste difficoltà, sempre più passeggeri decidono di rivolgersi al Team specializzato di RimborsamiTu.

Il servizio di RimborsamiTu

RimborsamiTu.it è un team di professionisti specializzati nel diritto dei trasporti.In particolare, grazie alla consolidata esperienza e professionalità, RimborsamiTu.it è in grado di assisterti al fine di ottenere, senza alcuna spesa,  il rimborso cui ogni passeggero ha diritto per aver subito un disservizio a causa della responsabilità del vettore aereo.

Oggi, infatti, grazie all’intervento dell’Unione Europea e all’emanazione del Regolamento CE 261/2004 direttamente applicabile negli Stati membri è possibile far valere diritti e garanzie in caso di volo in ritardo, cancellazione e negato imbarco(overbooking).

A differenza di altri portali nel settore, RimborsamiTu.it non chiederà alcun anticipo e nessuna percentuale del rimborso che ti verrà corrisposto dalla compagnia aerea.

Le spese di assistenza allo staff di RimborsamiTu.it vengono pagate a titolo di onorario direttamente dalle Compagnie aeree che si sono rese responsabili di disservizio nei confronti dei passeggeri-utenti. Per cui, RimborsamiTu.it ti assiste gratis!

Puoi richiedere il rimborso cui hai diritto entro 2 anni dalla data del volo.

Cosa serve per il rimborso Iberia?

Per richiedere la compensazione Iberia è sufficiente che si abbia un qualsiasi elemento da cui risulta l’avvenuta conservare prenotazione o carta d’imbarco.
Nei casi di cancellazione, negato imbarco o rinuncia al volo, sarà possibile richiedere il rimborso del prezzo del biglietto, per cui è molto importante che venga fornito un documento (normalmente la prenotazione) da cui risulti la somma pagata per l’acquisto del biglietto.
Per le cancellazioni è inoltre molto utile che ci venga fornita la comunicazione dell’avvenuta cancellazione (sms, mail, foto o altro).

Ti ricordiamo, inoltre, di conservare le prove di acquisto (scontrini e fatture) inerenti ad eventuali acquisti in caso di mancata assistenza.

Qualora il disservizio abbia altresì comportato la perdita della coincidenza o abbia comunque comportato altre spese per trasporti, sarà molto importante fornirci queste ricevute al fine di poter richiedere il rimborso.

Quando non spetta il rimborso Iberia?

Il Reg. CE 261/04 prevede che in caso di “circostanze eccezionali”, la Compagnia sia esonerata dal riconoscere la compensazione pecuniaria.

Per circostanze eccezionali vanno intese quelle fattispecie che esulino dal dominio della Compagnia aerea. Si possono elencare a mero titolo esemplificativo:

  • sicurezza;
  • bird strike;
  • avverse condizioni meteorologiche;
  • traffico aereo congestionato;

Contatti Iberia e info utili

Iberia è la compagnia di bandiera spagnola e, oltre a essere la più grande linea aerea nel Paese, dal 2011, dopo l’unione con British Airways è diventata la terza compagnia in Europa e la sesta al mondo.

Iberia, Compañía Aérea de Transportes venne fondata il 28 giugno 1927 grazie all’investimento di capitale da parte del finanziere Horacio Echeberrieta e Lufthansa di 1,1 milioni di pesetas. Le operazioni di volo iniziarono il 14 dicembre 1927.

Nel 1946, Iberia è stata la prima compagnia aerea a volare tra Europa e Sud America dopo la seconda guerra mondiale, con un Douglas DC-4 con un collegamento tra Madrid e Buenos Aires.
Nel 2009 Iberia ha raggiunto un accordo per fondersi con la concorrente britannica British Airways. Questa fusione venne completata nell’aprile 2010 con la creazione dell’International Airlines Group. La nuova società è costituita da British Airways e Iberia, così e dalle rispettive controllate e ha come principali hub l’Aeroporto di Londra-Heathrow e l’Aeroporto di Madrid-Barajas, nonché basi minori presso l’Aeroporto di Londra-Gatwick e l’Aeroporto di Barcellona.
Al giorno d’oggi Iberia è una compagnia di trasporti internazionale che opera in circa 90 aeroporti in tutto il mondo, fornendo il maggior numero di voli tra la Spagna e il resto d’Europa e tra l’Europa e il Continente Latinoamericano. Oltre al Sud America, Iberia fornisce collegamenti con le maggiori città degli Stati Uniti, tra cui Washington, San Francisco, New York, Miami, New Orleans, Minneapolis, Denver, Las Vegas, Phoenix, San Diego, Chicago, e con molti Paesi del Continente africano come l’Algeria, il Marocco, la Mauritania, il Senegal, il Ghana, la Nigeria, la Guinea Equatoriale, l’Angola, l’Uganda, la Tanzania, il Sudafrica, l’Egitto e le Mauritius. In Medio Oriente, Iberia ha base in Giordania, Israele e Siria, mentre tra i Paesi del Golfo, atterra in Kuwait, Bahrain, Qatar, Emirati Arabi Uniti e in Oma

Informazioni sui bagagli (aggiornate ad agosto 2021):

Il bagaglio a mano consentito con Iberia è un collo di dimensioni massime di 56 x 45 x 25 cm. Prima dell’imbarco il bagaglio sarà controllato nel dispositivo di misurazione, e se non supera tali controlli dovrà essere imbarcato in stiva. In classe turistica è consentito solo un bagaglio a mano. In Business Class / Club Corto / Medio raggio, oltre al bagaglio a mano, il passeggero ha diritto a trasportare una borsetta personale, un computer portatile, una valigetta, una macchina fotografica, una borsa per il cibo dei neonati, bevande e eventuali oggetti necessari per il volo. In Business Plus lungo raggio il passeggero potrà portare con se due bagagli. Il bagaglio da stiva deve avere le dimensioni complessive di 158 cm e un peso massimo di 23 kg. Si accetta una eccedenza nel peso fino a 32 kg pagando una penale che parte da 60 euro a collo. Oltre i 32 kg, il bagaglio non può essere trasportato. Nei voli domestici, in Europa e nei voli a corto e medio raggio, chi prenota con la tariffa Turistica Express non ha diritto a nessun bagaglio da stiva, chi prenota con la tariffa Turistica ha diritto a trasportare un bagaglio e chi prenota in Business Class ha diritto a trasportare due bagagli in stiva. Per i voli a lungo raggio il passeggero in classe Turistica Economica può trasportare un solo bagaglio, in classe Turistica completa ha due colli e in Business Class ha tre colli
Menu